Contratto a tutele crescenti

 

Il contratto di lavoro a tutele crescenti entra in vigore il 7 Marzo.

Per le assunzioni effettuate a decorrere da tale data si applicherà il nuovo regime di tutela in caso di licenziamento illegittimo.

Il regime si applicherà ai soli nuovi assunti mentre chi è già assunto a tempo indeterminato prima di tale data resta assoggettato alla precedente legislazione.

La nuova disciplina prevede sostanziali novità in materia di licenziamento. Nel caso di licenziamento nullo o discriminatorio nulla cambia rispetto alla precedente normativa; per i licenziamenti economici e disciplinari (giusta causa e giustificato motivo), viene previsto un risarcimento economico, sempre che non venga dimostrata l’insussistenza del fatto contestato, pari a due mensilità per ogni anno di servizio, con un minimo di quattro ed un massimo di ventiquattro, mensilità che sono dimezzate nel caso di aziende sotto i 15 dipendenti.

Altre importanti novità sono state introdotte nel caso di conciliazione fra le parti.


^
UA-48480091-1